Guida tv Sky

Praticità e funzionalità delle guide tv online

Attualmente scegliere la migliore guida tv online non è certo cosa semplice. Infatti se fino a qualche tempo fa ce ne erano poche, adesso ci sono tanti portali che garantiscono la conoscenza dei palinsesti televisivi. Uno dei siti migliori per conoscere i programmi televisivi è http://www.programmitv.it/stasera.html, un portale ottimo e completamente gratuito.

Qui si possono trovare contenuti imperdibili con guide e consigli degli esperti in merito ai vari programmi e film da vedere sul digitale e sulle piattaforme a pagamento. Senza dimenticare anche un altro sito comodo e che molte persone scelgono per la visione dei palinsesti televisivi, ovvero http://guidatv.quotidiano.net/.

Anche questo completamente gratuito e con i palinsesti completi e in continuo aggiornamento di tutte le televisioni. Si potrà trovare tutto ciò che serve per conoscere i programmi televisivi, film e tutto ciò che viene trasmesso in tv. Scegliere la migliore guida tv online è vantaggioso in quanto si può dire addio al cartaceo ed averla sempre a disposizione in ogni momento.

Altre possibilità per trovare la migliore guida tv online

Vista l’ampia scelta di portali dove poter trovare i maggiori aggiornamenti su palinsesti e su tutto ciò che possa servire per conoscere i programmi televisivi, è bene ricordare i più importanti. Un ottimo sito è https://tv.zam.it/, una piattaforma funzionale e fatta a misura delle esigenze degli utenti. Qualsiasi persona potrà scegliere i vari canali e soprattutto i giorni di cui conoscere la programmazione.

In questa maniera in ogni momento potrà avere a disposizione una efficiente guida tv che permetterà di sapere tutto in merito a programmi tv e film programmati. Molto efficiente e con un’interfaccia semplice da utilizzare è anche http://www.staseraintv.com/, un portale ottimo per tutti coloro che vogliono conoscere i dettagli di ogni trasmissione o film. Infatti per ogni programmazione vi è una dettagliata descrizione di tutto ciò che viene mandato in onda. Una guida tv assolutamente efficiente e soprattutto gratuita a cui poter accedere in ogni momento da pc o anche mediante dispositivo mobile.

Le guide tv online delle piattaforme a pagamento

Ovviamente anche chi ha intenzione di conoscere la programmazione delle piattaforme a pagamento potrà trovare delle efficienti guide tv molto vantaggiose. Una delle migliori è quella fornita direttamente da Mediaset con http://www.mediaset.it/guidatv/. Qui si potranno trovare tutte le maggiori indicazioni e consigli sui programmi televisivi.

Inoltre si potrà scegliere tra i tantissimi canali disponibili non solo sul digitale terrestre, ma anche sulla piattaforma Premium. Occasione perfetta perciò per conoscere i migliori programmi visibili sui canali Mediaset. Ma anche Sky si conferma un’ottima guida tv per conoscere programmi televisivi di primo livello. Inoltre si potranno trovare tutte le programmazioni aggiornate giorno per giorno anche sui canali della pay tv.

Dunque si potrà scegliere tra un’ampia programmazione per quanto concerne cinema, sport, documentari e molto altro ancora. Entrambi sono comunque da annoverare tra le migliori guide tv online visto che sono gratuite e consentono di avere a disposizione la programmazione dettagliata di tutti i canali. Occasione perfetta per conoscere sempre tutto ciò che si può vedere in televisione.

pp_investigatore_privato

Un investigatore privato è una figura che offre diversi tipi di servizi unici che permettono ai clienti privati, ma anche alle aziende, di ottenere delle informazioni utili relative ad una particolare controversia.Ci sono comunque dei limiti che anche questa figura privata non può assolutamente violare in quanto essi sono perseguiti a norma di legge.

Ecco, pertanto, quali sono le azioni che non possono essere effettuate da un investigatore privato durante lo svolgimento delle indagini.

Divieto, durante le indagini private, di mettere sotto controllo il telefono

Un primo divieto imposto a coloro che svolgono la professione di investigatore privato consiste nel non poter mettere sotto controllo il telefono, sia privato che aziendale, di una persona sulla quale si indaga. Questo comportamento secondo la legge è sinonimo di violazione della privacy e pertanto, controllare il telefono dell’indiziato, risulta essere vietato.

Tale procedura si suddivide in diverse tipologie di pratiche tutte differenti: inserire programmi spia sul telefono, sfruttare al web oppure altri strumenti, che permettono di conoscere il contenuto di conversazioni di testo e vocali, sono tutte perseguibili a norma di legge. Pertanto, un primo divieto riguarda il telefono della persona sulla quale si sta indagando.

Nessun controllo, da parte degli investigatori, su Whatsapp

Whatsapp, al giorno d’oggi, è diventato uno strumento che viene utilizzato sia per mandare messaggi di testo che per effettuare telefonate e video chiamate. Questo strumento è però divenuto anche lo strumento che, in alcune occasioni, viene sfruttato anche per tradire, truffare o adottare dei comportamenti che risultano essere tutt’altro che corretti.

Seppur Whatsapp non rientra nel concetto di telefono vero e proprio, anche per questo particolare tipo d’applicazione risulta essere vietato effettuare dei controlli. A disporre tale tipo di divieto è la legge che identifica l’applicazione per i dispositivi mobili come una versione di telefono stesso.

Non potendo effettuare il controllo sul telefono classico, anche su Whatsapp vale la stessa regola e pertanto sarà necessario che, durante le indagini, l’investigatore privato eviti di effettuare questo particolare tipo di errore che potrebbe danneggiare l’immagine dello stesso professionista.

Anche in questo caso, il professionista potrebbe andare incontro a delle dispute legali che oltre avere una lunga durata potrebbero costare, allo stesso investigatore, di poter perdere la licenza per poter praticare il suo mestiere.

pp_investigatore_privato

Niente tabulati telefonici per l’agenzia di indagini private

Quando si devono effettuare dei controlli su una particolare persona, che spesso corrisponde alla principale indiziata di un particolare caso, potrebbero essere coinvolti anche numeri di telefono particolari.

L’investigatore privato potrebbe quindi essere tentato nel cercare di scoprire a chi appartengono i suddetti ma attenzione: anche questa particolare azione risulta essere assolutamente illegale, secondo la legge. Le utenze telefoniche non possono essere oggetto di una verifica da parte delle agenzie di investigatori privati, che si devono limitare a svolgere delle ricerche in altri modi ed in campi differenti.

La legge non riconosce infatti queste particolari aziende come tutori e rappresentanti della giustizia, al contrario di quanto accade invece con le forze dell’ordine quali polizia, militari e carabinieri. L’investigatore privato è quindi vincolato da questa particolare legge ma potrebbe collaborare con le forze dell’ordine, durante le stesse indagini, per reperire le suddette informazioni in maniera corretta.

Ovviamente, in questo caso, sono necessarie delle deleghe particolari rilasciate da chi ha assunto dall’investigatore privato, in modo tale che la legge possa non interferire durante le indagini.

Conti bancari e postali vietati

I conti bancari e postali sono un altro tipo di documento che non potrà essere violato da parte dell’investigatore privato. Le motivazioni sono le medesime che riguardano i tabulati telefoni, Whatsapp e gli altri casi che possono ovviamente violare la privacy di una persona, anche se questa è indagata e ritenuta sospetta di aver effettuato un atto illecito.

Come nel caso precedente occorre fare delle precisazioni: se quella persona è indagata dalle forze dell’ordine e perseguibile anche per la legge, i conti bancari e postali verranno esaminati in maniera attenta e precisa da parte delle autorità. Solo loro hanno accesso a questo particolare tipo di informazioni ed in rarissimi casi, queste, possono essere condivise con questi professionisti del settore.

Questo accade proprio poiché, gli investigatori delle agenzie private, non rappresentano e tutelano il rispetto della legge come accade con le forze dell’ordine ed inoltre, essendoci solo un sospetto, quella persona non potrà essere indagata sfruttando questa procedura.

Le investigazioni private e le intercettazioni ambientali

Un tipo di divieto aggiuntivo, il quale rappresenta il punto maggiormente importante, consiste nel non poter effettuare delle intercettazioni ambientali ai danni di una persona che viene ritenuta come potenziale indiziati in un caso che vien affidato all’investigatore privato.

L’utilizzo di cimici o di altri strumenti che consentono di violare la privacy di quella persona, sono completamente vietati da parte della legge. Questo poiché si violerebbero i diritti di libertà di colui o colei che viene intercettata ed anche in questo caso, la legge dispone che solo le forze dell’ordine, in casi veramente speciali e di grande importanza, possono utilizzare questi strumenti per ottenere informazioni importanti che non vengono conquistate durante le sessioni d’interrogatorio.

Si tratta quindi della motivazione che ha contraddistinto i casi precedenti e che, anche per questo, torna a riproporsi in maniera quasi prepotente: gli investigatori privati non possono agire come se fossero forze dell’ordine pubbliche e di conseguenza devono rispettare alcuni limiti che sono inviolabili e che se venissero superati porterebbero solo delle conseguenze negative come perdita del lavoro da parte di quel professionista.

Tutti questi particolari divieti che contraddistinguono le investigazioni private svolte dal professionista valgono sia qualora esso venga contattato per la risoluzione di un caso privato, sia se esso dovesse venire contattato per mettere sotto controllo i dipendenti di un’azienda, sia pubblica che privata indipendentemente dalla sua importanza sul suolo italiano.

lavastoviglie-prezzi

Tra gli elettrodomestici presenti nelle nostre case un posto sul podio è riservato sicuramente alla lavastoviglie, un sogno delle nostre nonne che, con grande soddisfazione, è diventato una realtà alla portata di tutti ormai da alcuni decenni.

La lavastoviglie entra nelle case

Un pensiero di ringraziamento dunque alla sua inventrice, Josephine Cochrane che – stanca di passare ore e ore a lavare piatti e stoviglie – alla fine dell’Ottocento lanciò sul mercato statunitense l’antenata delle attuali lavapiatti, che venne però usata fino alla metà del secolo scorso quasi esclusivamente a livello industriale. Finalmente, dopo una complessa rivisitazione del progetto iniziale, a partire dagli anni ’70 questa meraviglia iniziò ad essere disponibile anche per un uso domestico e, a mano a mano che i costi divennero sempre più accessibili, fu sempre più presente nelle case fino a raggiungere le altissime percentuali di diffusione attuale.

Il grande successo di questo elettrodomestico portò le case produttrici ad investire moltissimo nella ricerca e i modelli attuali sono il frutto di una tecnologia estremamente avanzata volta alla perfezione dei lavaggi unita al risparmio energetico, il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente, nell’intento inoltre di soddisfare le esigenze di una clientela estremamente eterogenea.

Continua a leggere